Il dr. Alberto Mavilio è riconosciuto esperto di elettrofisiologia oculare, con particolare riguardo alle sue applicazioni nel glaucoma.

 

 

È inventore di una nuova procedura diagnostica conosciuta come RE-PERG1-2
Questa tecnica elettrofunzionale sfrutta il principio secondo il quale cellule ganglionari retiniche malate "seguono" uno stimolo veloce con maggiore fatica rispetto al normale e consente in pochi minuti di documentare la disfunzione apoptotica di tali cellule, condizione che contraddistingue la malattia. Si tratta di un test obiettivo e non invasivo paragonabile ad un elettrocardiogramma degli occhi. I RE-PERG trovano indicazione nella diagnosi precoce di glaucoma, ma anche in tutti i casi dubbi. Non di rado il test svela casi di falso glaucoma che non richiede alcun trattamento o, al contrario, casi per i quali vi è indicazione alla cura già negli stadi iniziali di malattia. I RE-PERG peraltro consentono una valutazione prognostica della malattia e la formulazione di un giudizio sullo stato di compenso nei pazienti in trattamento farmacologico. L'esame del paziente viene quindi completato attraverso una valutazione funzionale (Perimetria HFA3 840 Zeiss) e strutturale (CirrusTM HD-OCT 500) su interfaccia Forum Zeiss.

 

Numerose patologie neuro-degenerative sono contraddistinte dalla disfunzione del sistema nervoso centrale, e quindi anche dei neuroni retinici, sin dalle prime fasi della malattia. Per questo Alzheimer, Parkinson, Sclerosi Multipla e SLA possono ugualmente essere evidenziate dai RE-PERG.

Gli esami elettrofunzionali permettono inoltre di individuare numerose condizioni patologiche come maculopatia da idrossiclorochina, retinite pigmentosa, retinopatia diabetica e maculopatie in genere già negli stadi iniziali.

Infine tali indagini consentono di individuare la causa di un deficit visivo non giustificato dalla obiettività clinica. Ciò è possibile poiché i potenziali bioelettrici possono essere studiati sin dalla loro origine recettoriale (ERG focali) fino alla corteccia visiva (PEV), passando attraverso stazioni intermedie, come le cellule retiniche gangliari (PERG).

Altra indicazione è rappresentata dalla cataratta evoluta che impedisce di esplorare per bene le strutture retrostanti: la corretta applicazione di un algoritmo elettrofunzionale consente una valutazione prognostica dell'esito funzionale dell'intervento di cataratta.

Lo studio, in definitiva, dispone di tutti gli strumenti diagnostici idonei alla esecuzione di numerosi screening diagnostici (link alla pagina dedicata agli screening).

 

1 Can variability of pattern ERG signal help to detect Retinal Ganglion Cells dysfunction in glaucomatous eyes? Mavilio A., Scrimieri F., Errico D.; Volume 2015 (2015), Article ID 571314, http://dx.doi.org/10.1155/2015/571314

RE-PERG, a new procedure for electrophysiologic diagnosis of glaucoma that may improve PERG specificity. Mavilio A., Sisto D., Ferreri O., Cardascia N., Alessio G.; Clinical Ophthalmology 2017:11 209–218